Il padiglione d'oro

… è sempre un qualche meraviglioso silenzio che porge alla vita il minuscolo o enorme boato di ciò che poi diventerà inamovibile ricordo … (A. Baricco)

Oniriche realtà: amore e morte in “H/H” di Banana Yoshimoto

Tutti di solito sono convinti che le persone si separano perché una si è stancata dell’altra, per propria volontà o per volontà dell’altra persona. Ma non è così. I periodi … Continua a leggere

giugno 7, 2020 · Lascia un commento

“Il ristorante dell’amore ritrovato” di Ito Ogawa: un luogo dove capire il significato profondo dell’esistere

Le foglie degli alberi sulle montagne tutt’intorno mutavano colore di giorno in giorno e le ore di luce diventavano sempre meno. Sognavo che il mio ristorante potesse suscitare nelle persone … Continua a leggere

maggio 10, 2020 · Lascia un commento

“La ragazza del Kyūshū”: un avvincente noir dal Paese del Sol Levante

Un noir sottile, che accompagna il lettore pagina dopo pagina, con il ritmo lento ed elegante della letteratura giapponese, le forme di cortesia e il rispetto delle apparenze tipici della … Continua a leggere

marzo 12, 2020 · Lascia un commento

Una maratona lunga cinquant’anni: la strana storia del guardiano della collina dei ciliegi

Anche un uomo impassibile a ogni cosa Si commuove ascoltando il primo vento dell’autunno. Saigyo Hoshi, poeta giapponese, 1140 ca. E’ strano il percorso che mi ha portato alla lettura … Continua a leggere

febbraio 29, 2020 · Lascia un commento

«Nulla di quanto facciamo sposta la storia del mondo, tutto lo fa»: il “kaze no denwa” in “Quel che affidiamo al vento” di Laura Imai Messina

Credo che a tutti capiti di parlare nel proprio intimo con le persone care non più in vita. Ma chi lo ha mai fatto sollevando la cornetta di un telefono? … Continua a leggere

febbraio 16, 2020 · Lascia un commento

“Autostop con Buddha”: tra il serio e il faceto, Will Ferguson ci porta in viaggio con sé attraverso il Giappone

Questo libro ha suscitato in me sentimenti contrastanti. In primis un grande interesse, poiché l’autore percorre in autostop tutto il Giappone dall’estremo sud di Capo Sata all’estremo nord di Capo … Continua a leggere

dicembre 12, 2019 · Lascia un commento

Genki Kawamura: ironiche – ma non tanto – meditazioni su cosa è importante nella vita

  L’amore finisce sempre. Lo sappiamo tutti, ma ci innamoriamo lo stesso. E’ la stessa cosa che accade con la vita. Sappiamo tutti che prima o poi finisce, ma viviamo … Continua a leggere

settembre 15, 2019 · 6 commenti

“Un’estate con la strega dell’Ovest”: la “fiaba di formazione” di Kaho Nashiki

Un piccolo gioiello che ha il calore del tè spesso servito fra le pagine e le sfumature dei fiori che sbocciano delicatamente nel sanctuary. Teneramente giapponese.   «Ascoltami Mai.» La … Continua a leggere

agosto 31, 2019 · 3 commenti

«Kill yourself for recognition-Kill yourself to never ever stop-You broke another mirror-You’re turning into something you are not. Don’t leave me high, don’t leave me dry» – Banana Yoshimoto e il primo amore

  Il kappa (1), in quel momento, era il solo a leggere nel mio cuore. Forse rideva. O magari, dopo che lo avevamo portato via da casa, era emozionato per … Continua a leggere

agosto 25, 2019 · Lascia un commento

Tami, Milledraghi, Loto della Saggezza: tanti volti per una sola donna – “La virtù femminile” di Harumi Setouchi

Quel paesaggio raffinato e minuto pareva lo scenario di un teatro, sullo sfondo del quale campeggiava il verde del monte Ogura. All’improvviso, da quello che si sarebbe potuto chiamare il … Continua a leggere

agosto 11, 2019 · Lascia un commento

Presso il fiume l’amore non muore mai: “Moonlight Shadow” di Banana Yoshimoto

Hitoshi. Non posso più restare qui. Momento per momento vado avanti. E’ il flusso del tempo che non si può fermare, non posso farci niente. Io vado. Una carovana si … Continua a leggere

agosto 3, 2019 · Lascia un commento

Da “Seta” a “I Would Prefer Not To”: Baricco e l’incanto della parola

Hervé Joncour posò la sigaretta sul bordo del tavolo prima di dire – E dove sarebbe, di preciso, questo Giappone? Baldabiou alzò la canna del suo bastone puntandola oltre i … Continua a leggere

luglio 25, 2019 · 3 commenti

Gli arcobaleni controversi di Yasunari Kawabata

Da quando aveva veduto l’arcobaleno si sentiva l’animo attratto verso la sponda opposta del lago. Sarebbe stato meraviglioso visitare da riva il paese degli arcobaleni. O, più realisticamente, viaggiare lungo … Continua a leggere

luglio 14, 2019 · Lascia un commento

«Meglio illuminare una stanza anziché vestirla d’ombra»: wa, la via giapponese all’armonia

Già da parecchi giorni ho terminato di leggere il libro di Laura Imai Messina dal titolo Wa. La via giapponese all’armonia. 72 parole per capire che la felicità più vera … Continua a leggere

giugno 15, 2019 · Lascia un commento

“Iro Iro”: folgorazioni estetiche dal Paese del Sol Levante

Anni fa scelsi di denominare questo blog “Il padiglione d’oro” dopo aver letto l’omonimo libro di Yukio Mishima e aver visto le immagini abbaglianti e magiche del Kinkakuji. Ora lo … Continua a leggere

aprile 10, 2019 · Lascia un commento

Irasshaimase! Irasshaimase! La musica del konbini

  Mentre leggevo questo libro pensavo: «Ma cosa sto leggendo? E’ folle…» Poi mi dicevo che, essendo un best seller, con oltre 700.000 copie vendute solo in Giappone, definito da … Continua a leggere

gennaio 26, 2019 · Lascia un commento

Amore… amori…

L’uomo era sorpreso dall’esistenza di Kin. La crudeltà dei tempi non aveva lasciato su di lei la benché minima traccia. Le condizioni in cui viveva facevano pensare che potesse procurarsi … Continua a leggere

gennaio 1, 2019 · Lascia un commento

L’abito di piume delle donne-angelo

Il mio paese sembrava esistere aggrappato ai lembi di terra risparmiati da un fiume. D’estate era un luogo abbastanza fresco, d’inverno invece faceva freddo e, sulle montagne vicine, nevicava molto. … Continua a leggere

dicembre 13, 2018 · 1 Commento

Maxence Fermine, “Neve”

Yuko Akita aveva due passioni. L’haiku. E la neve. L’haiku è un genere letterario giapponese. È una breve poesia di tre versi e diciassette sillabe. Non una di più. La … Continua a leggere

novembre 17, 2018 · 2 commenti

“Scrivere per Fukushima”…ricordi e sensazioni…

Serena Lavezzi, redattrice di un interessantissimo blog (https://pennedoriente.wordpress.com/) che consiglio di scorrere a tutti gli amanti della lettura (anche ai non particolarmente appassionati del mondo orientale), oggi ci parla di … Continua a leggere

novembre 13, 2018 · Lascia un commento