Il padiglione d'oro

… è sempre un qualche meraviglioso silenzio che porge alla vita il minuscolo o enorme boato di ciò che poi diventerà inamovibile ricordo … (A. Baricco)

Storia della danza in pillole – I fondatori della danza moderna americana: José Limón (1908-1972) e Louis Falco (1942-1993)

Collage_Fotor

José Limón e Louis Falco

Discepolo della Humphrey, José Limón occupa un posto di rilievo tra i coreografi e i danzatori della seconda generazione della danza statunitense.
Profondamente legato alle sue origini messicane, egli giunge tardi alla danza, dopo un’iniziale esperienza nel campo della pittura. Entrato nel 1930 nella compagnia Humphrey-Weidman, segue contemporaneamente corsi di danza classica, giungendo alla formazione di uno stile originale in cui il linguaggio del modern convive con forme della tecnica tradizionale, come l’uso delle gambe in elevazione.
Nel 1945 fonda la sua prima compagnia e chiede alla Humphrey di collaborare come coreografa alla nuoca formazione. Svolge una serrata attività di danzatore, coreografo e insegnante, prediligendo per le sue composizioni argomenti d’ispirazione sociale e religiosa.

La danza de la muerte

La Danza de la Muerte, interpretata da Shanti Oyarzabal

La prima importante coreografia, realizzata nel 1937 per la Humphrey-Weidman, è Danza de la muerte, dedicata agli avvenimenti della guerra civile spagnola. La sua creazione più celebre, da molti considerata il suo capolavoro, è The Moor’s Pavane (1949), nella quale quattro danzatori nelle vesti dei principali personaggi dell’Otello, ripercorrono la vicenda shakespeariana, affidando alla danza la rappresentazione delle passioni che animano la tragedia. I moduli della danza di corte, riproposti nella pavana, si fondono armoniosamente con il linguaggio della modern dance in una rappresentazione di grande respiro drammatico.

Convinto che ogni danzatore debba adattare alle sue caratteristiche fisiche le acquisizioni della tecnica, Limón tende a localizzare l’impulso motorio in parti diverse del corpo, ad esempio l’anca, per utilizzarlo in senso multidirezionale. Il movimento che ne deriva risulta fluido, continuo, aperto senza bruschi arresti o spigolose contrazioni.
Uno degli esponenti più significativi della linea Limón è Louis Falco (1942-1993), un italo-americano che, dopo aver frequentato la High School of Performing Arts, studia, tra gli altri, con Martha Graham e José Limón. Contemporaneamente prende lezioni di danza classica presso l’American Ballet.
La sua carriera di danzatore, iniziata con Alvin Ailey, prosegue con Limón, con il quale resta dal 1960 al 1970 e da cui riceve l’impulso decisivo per la sua formazione stilistica.
La sua attività coreografica, iniziata già alla José Limón Dance Company, prosegue nella formazione di una sua propria compagnia, la Louis Falco Dance Company, ed è spesso invitato a realizzare lavori anche per compagnie straniere come il Nederlands Dans Theater, il Boston Ballet, il Ballet Rambert, l’Alvin Ailey Dance Theater, la Scala di Milano per cui monta Eagle’s Nest nel 1980, quando darà l’addio alle scene ballando con Luciana Savignano.
Vitale e atletico, dotato di un dinamismo trascinante, Falco utilizza elementi del linguaggio classico e delle acrobazie aeree fondendoli con il vocabolario del modern, che attinge soprattutto dala tecnica Limón. Egli tende a lavorare sull’elasticità dorsale per sviluppare un movimento fluido che si evolve nello spazio senza pause.
Tra le sue coreografie più famose si ricorda Escargot (1978), una danza senza trama pervasa da uno scatenato dinamismo affidato alle vorticose variazioni tracciate dai danzatori lungo una spirale, e Black and Blue (1980), il cui filo conduttore è costituito da dieci round di pugilato.

Nel corso degli anni Ottanta Falco prova a misurarsi con tematiche più impegnative, nutrite di fermenti ideologici ed esistenziali, ma la sua vena più autentica resta legata ad una dimensione spettacolare leggera di puro movimento, veloce ed incisivo.

Riadattato da Storia della danza occidentale, di Silvana Sinisi

web

Annunci

Un commento su “Storia della danza in pillole – I fondatori della danza moderna americana: José Limón (1908-1972) e Louis Falco (1942-1993)

  1. wwayne
    agosto 8, 2016

    Anch’io ho dedicato un post alla mia passione per la danza: https://wwayne.wordpress.com/2016/05/22/il-giorno-di-timber/. Che ne pensi?

I vostri pensieri

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Un Dente di Leone

La quinta età: un soffio di vento sul dente di leone

PAROLE LORO

«L'attualità tra virgolette»

Picture live

Vivir con amor

vengodalmare

« Io sono un trasmettitore, irradio. Le mie opere sono le mie antenne » (Joseph Beuys)

mammacomepiove!

Donna. Mamma. Sognatrice. In proporzioni variabili.

La poesia di un arabesque

"La danza è il linguaggio nascosto dell'anima" Martha Graham

maplesexylove

_Fall in love with style_

Polvere o stelle

racconti, emozioni e pensieri danzanti

IO ME E ME STESSA

Per andare nel posto che non sai devi prendere la strada che non conosci

Il Canto delle Muse

Se ho provato momenti di entusiasmo, li devo all'arte; eppure, quanta vanità in essa! voler raffigurare l'uomo in un blocco di pietra o l'anima attraverso le parole, i sentimenti con dei suoni e la natura su una tela verniciata. Gustave Flaubert

... è sempre un qualche meraviglioso silenzio che porge alla vita il minuscolo o enorme boato di ciò che poi diventerà inamovibile ricordo ... (A. Baricco)

galadriel2068

emozioni, racconti e polvere... o stelle

Pinocchio non c'è più

Per liberi pensatori e pensatori liberi

L'angolino di Ale

... è sempre un qualche meraviglioso silenzio che porge alla vita il minuscolo o enorme boato di ciò che poi diventerà inamovibile ricordo ... (A. Baricco)

Photo

usa gli occhi..

Paturnie e altre pazzate

Parole fatte a pezzi. Parole come pezzi. Di me. Io: patchwork in progress.

DANZA/DANZARE

considerazioni, training, racconti

Di acqua marina di Lucia Griffo

Just another WordPress.com site

17 e 17

UN PO' PIU' DI TWITTER, UN PO' MENO DI UN BLOG

Studia Humanitatis - παιδεία

«Oὕτως ἀταλαίπωρος τοῖς πολλοῖς ἡ ζήτησις τῆς ἀληθείας, καὶ ἐπὶ τὰ ἑτοῖμα μᾶλλον τρέπονται.» «Così poco faticosa è per i più la ricerca della verità, e a tal punto i più si volgono di preferenza verso ciò che è più a portata di mano». (Tucidide, Storie, I 20, 3)

jalesh

Just another WordPress.com site

Cetta De Luca

io scrivo

filintrecciati

Just another WordPress.com site

OHMYBLOG | PAOLOSTELLA

just an other actor's blog

life to reset

drifting, exploring, surviving

hinomori

Fuoco e ghiaccio

Versi in rima sciolta...

Versi che dipingono la natura e non solo...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: