Il padiglione d'oro

… è sempre un qualche meraviglioso silenzio che porge alla vita il minuscolo o enorme boato di ciò che poi diventerà inamovibile ricordo … (A. Baricco)

Giornata Internazionale della Danza: “C’è gente che ancora non lo sa! Tutti stiamo danzando!” – 29 aprile 2015

2012-43495-160112_22030_11453_t

Annamaria Papalini, Invito alla danza

Istituita nel 1982 dal Comitato Internazionale della Danza dell’Istituto del Teatro (ITII/UNESCO) e celebrata, appunto, il 29 aprile di ogni anno, la data commemora Jean-Georges Noverre, grande riformatore della danza, nato proprio il 29 aprile 1727.
Ogni anno, il 29 aprile, un “Messaggio al mondo della Danza”, scritto da una personalità della danza di fama mondiale, viene diffuso in tutto il mondo. Gli obiettivi di questa giornata e del messaggio sono di riunire, in quel giorno, tutto il mondo della danza, per rendere omaggio a questa forma d’arte, celebrare la sua universalità che attraversa tutte le barriere politiche, culturali ed etniche, e riunisce l’umanità intera in amicizia e pace intorno ad un linguaggio comune – la Danza.
Quest’anno il compito di diffondere un messaggio sull’importanza e la magia della danza è stato affidato a Israel Galvàn, celeberrimo ballerino spagnolo di flamenco “d’avanguardia”, famoso per le complesse coreografie dei suoi spettacoli, in cui movimenti rapidissimi dei piedi si alternano momenti di silenzio e perfetta immobilità.

galvan

Israel Galvàn

Ecco le sue parole:
“Carmen Amaya, Valeska Gert, Suzushi Hanayagi, Michael Jackson… danza non classificabile, non potrei decifrare i loro stili… li vedo come delle turbine generatrici di energia e questo mi fa riflettere sull’importanza della coreografia in relazione all’energia stessa di chi danza. Sicuramente la cosa importante non è la coreografia, ma specificamente quella energia, il turbine che essa provoca.
Io immagino una bobina di Tesla che li attrae tutti emettendo un raggio risanatore e provocando una metamorfosi nei loro corpi: Pina Bausch come una mantide religiosa, Raimund Hoghe trasformato in uno scarabeo appallottolatore, Vicente Escudero in un insetto stecco e Bruce Lee addirittura in una scolopendra.
Danzai il mio primo duetto con mia madre, incinta di sette mesi. Può sembrare un’esagerazione. Sebbene io quasi sembre balli solo, immagino che mi accompagnino da fantasmi che fanno sì che abbandoni il mio ruolo di «danzatore di solitudini». Didi-Huberman non voleva dire: «di soleares».
Da piccolo non mi piaceva la danza, ma era qualcosa che usciva da me in una maniera naturale e facile. Quasi istintiva. Con il tempo mi resi conto che la danza guariva, mi faceva un effetto quasi medicinale, mi ha aiutato a non esser così introverso e ad aprirmi agli altri. Ho visto l’immagine di un bambino con l’Ebola che si curava attraverso la danza. So che è una superstizione, ma sarebbe forse possibile?
Più avanti, la danza ha finito per diventare un’ossessione che riempie le mie ore e che mi fa ballare anche quando rimango fermo, immobile, separandomi così dalla realtà delle cose. Non so se questo è buono, cattivo o necessario ma… così è. Mia figlia Milena, quando sto quieto sul divano pensando alle mie cose con quel mio mormorio, mi dice: «Papà, non ballare».
È che vedo la gente muoversi mentre cammina per la strada, mentre chiama un taxi, mentre si muove con le sue differenti maniere, stili e deformità. Tutti stanno danzando! Non lo sanno, però tutti stanno danzando! Mi piacerebbe gridare loro: «C’è gente che ancora non lo sa! Tutti stiamo danzando! Quelli che non danzano non hanno fortuna, sono morti, non provano sentimenti né sofferenze!».
Mi piace la parola fusione. Non come termine di marketing, confusione per vendere un certo stile, un marchio. Meglio fissione, una miscela atomica: un cocktail con i piedi piantati in terra di Juan Belmonte, le braccia aeree di Isadora Duncan e in mezzo il ventre ballonzolante di Jeff Cohen in The Goonies. E con tutti questi ingredienti comporre una bevanda gradevole e intensa, che sia gustosa o amara o che ti dia alla testa. La nostra tradizione stessa è questa miscela, nasciamo da un cocktail e gli ortodossi vogliono nascondere la loro formula segreta. Però no, razze e religioni e credi politici, tutto si mescola! Tutti possono danzare insieme! Forse non uno nelle braccia dell’altro, ma gli uni accanto agli altri.
Un antico proverbio cinese dice: «Il batter d’ali di una farfalla si può sentire dall’altro lato del mondo». Quando una mosca si leva in volo in Giappone, un tifone scuote le acque dei Caraibi. Pedro G. Romero dopo un travolgente baile por sevillanas dice: «Il giorno che la bomba cadde su Hiroshima, Nijinsky ripeté il suo grande balzo in un bosco dell’Austria». E io seguito a immaginare: un colpo di frusta di Savion Glover fa girare Mikhail Baryshnikov. In quel momento Kazuo Ohno stando in quiete provoca una certa elettricità in María Muñoz, che pensa a Konrad Veidt il che obbliga Akram Khan a provocare un terremoto nel suo camerino: si muovono i suoi sonagli e il suolo si tinge delle stanche gocce del suo sudore.
Vorrei poter dedicare questa Giornata Internazionale della Danza e queste parole a qualunque persona nel mondo stia danzando proprio in questo momento. Così permettetemi una battuta e un desiderio: danzatori, musicisti, produttori, critici, organizzatori, diamo un fin de fiesta, danziamo tutti, come faceva Béjart, balliamo alla grande, balliamo il Bolero di Ravel, balliamolo uniti.”

Franco Pallecchi, Danza gitana

web

Annunci

I vostri pensieri

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Un Dente di Leone

La quinta età: un soffio di vento sul dente di leone

PAROLE LORO

«L'attualità tra virgolette»

Picture live

Vivir con amor

vengodalmare

« Io sono un trasmettitore, irradio. Le mie opere sono le mie antenne » (Joseph Beuys)

mammacomepiove!

Donna. Mamma. Sognatrice. In proporzioni variabili.

La poesia di un arabesque

"La danza è il linguaggio nascosto dell'anima" Martha Graham

maplesexylove

_Fall in love with style_

Polvere o stelle

racconti, emozioni e pensieri danzanti

IO ME E ME STESSA

Per andare nel posto che non sai devi prendere la strada che non conosci

Il Canto delle Muse

Se ho provato momenti di entusiasmo, li devo all'arte; eppure, quanta vanità in essa! voler raffigurare l'uomo in un blocco di pietra o l'anima attraverso le parole, i sentimenti con dei suoni e la natura su una tela verniciata. Gustave Flaubert

... è sempre un qualche meraviglioso silenzio che porge alla vita il minuscolo o enorme boato di ciò che poi diventerà inamovibile ricordo ... (A. Baricco)

galadriel2068

emozioni, racconti e polvere... o stelle

Pinocchio non c'è più

Per liberi pensatori e pensatori liberi

L'angolino di Ale

... è sempre un qualche meraviglioso silenzio che porge alla vita il minuscolo o enorme boato di ciò che poi diventerà inamovibile ricordo ... (A. Baricco)

Photo

usa gli occhi..

Paturnie e altre pazzate

Parole fatte a pezzi. Parole come pezzi. Di me. Io: patchwork in progress.

DANZA/DANZARE

considerazioni, training, racconti

Di acqua marina di Lucia Griffo

Just another WordPress.com site

17 e 17

UN PO' PIU' DI TWITTER, UN PO' MENO DI UN BLOG

Studia Humanitatis - παιδεία

«Oὕτως ἀταλαίπωρος τοῖς πολλοῖς ἡ ζήτησις τῆς ἀληθείας, καὶ ἐπὶ τὰ ἑτοῖμα μᾶλλον τρέπονται.» «Così poco faticosa è per i più la ricerca della verità, e a tal punto i più si volgono di preferenza verso ciò che è più a portata di mano». (Tucidide, Storie, I 20, 3)

jalesh

Just another WordPress.com site

Cetta De Luca

io scrivo

filintrecciati

Just another WordPress.com site

OHMYBLOG | PAOLOSTELLA

just an other actor's blog

life to reset

drifting, exploring, surviving

hinomori

Fuoco e ghiaccio

Versi in rima sciolta...

Versi che dipingono la natura e non solo...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: