Il padiglione d'oro

… è sempre un qualche meraviglioso silenzio che porge alla vita il minuscolo o enorme boato di ciò che poi diventerà inamovibile ricordo … (A. Baricco)

Storia della danza in pillole – Kurt Jooss (1901 – 1979)

Kurt Jooss, altro grande protagonista della scuola tedesca, approda alla danza dopo studi di musica e recitazione. Anche nel suo caso è l’incontro con Rudolf Laban ad orientare la sua vocazione e ad indirizzarlo verso lo studio teorico e pratico della danza.
Fra il 1922 e il 1923 fa parte della Tanzbühne, ove collabora come solista e assistente di Laban. Nel 1924 fonda un apropria compagnia, la Neue Tanzbühne, per cui crea la sua prima coreografia di carattere espressionista (Un balletto persiano).
Dopo un periodo di studio trascorso a Vienna e a Parigi per apprendere la tecnica accademica, torna in patria e fonda ad Essen il Folkwang Tanztheater Studio, che si trasferirà all’Opera di Essen di cui, nel 1930, diviene maestro di ballo e coreografia.

Nel 1932 realizza il suo capolavoro, Der grüne Tisch (Il tavolo verde), un balletto espressionista sugli orrori della guerra e l’ipocrisia dei governi. L’attualità del balletto in un momento di grave crisi delle istituzioni democratiche in Europa, che coincideva con l’affermazione del regime hitleriano in Germania, suscitò grande clamore e gli valse il primo premio al consorso internazionale di coreografia indetto a Parigi dagli Archives internationales di Rolf de Maré.

Per sfuggire alle persecuzioni naziste si rifugia in Inghilterra, a Cambridge, dove apre una scula dedicandosi all’insegnamento della danza e delle arti teatrali. Riorganizzata una sua compagnia, i Ballets Jooss, crea nuove coreografie e compie trionfali tournée in diversi Paesi europei, ad eccezione della Germania, e nelle due Americhe.
Tornato in patria nel 1949, dopo alterne vicende si stabilisce ad Essen ricostituendo la Folkwangschule e dedicandosi all’insegnamento.

Essen_Kloster_Werden_Innenhof

La Folkwangschule di Essen, aperta nel 1927 dal direttore del teatro d’opera Rudolf-Schulze Dornburg e da Jooss. Sebbene l’insegnamento comprenda anche la musica e il teatro, la scuola deve la sua reputazione internazionale al dipartimento della danza, che Pina Bausch portò a un livello di qualità unico in Europa.

Uomo di teatro oltre che coreografo di talento, Jooss conferisce alle sue creazioni una forte potenza espressiva servendosi anche della pantomima in funzione drammatica. Egli tende a fondere la tecnica accademica, depurata da ogni virtuosismo, con la danza libera, cercando di giungere alla definizione di immagini forti e concise, il cosiddetto “essenzialismo”, capaci di trasmettere un messaggio drammaturgicamente significativo.
Sulle sue opere agisce una forte componente espressionista, riscontrabile nell’uso di fondali neri in luogo dell’arredo scenografico, nella carica sottilmente allucinatoria delle luci, nell’impiego generalizzato delle maschere.
Il suo sistema didattico, messo a punto assieme a Sigurd Leeder, un danzatore allievo di Laban al suo fianco sin dagli anni Venti, è oggi conosciuto come “tecnica Jooss-Leeder”.

Riadattato da Storia della danza occidentale, di Silvana Sinisi

sito internet

I vostri pensieri

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Freebutterfly

Siamo fatti solo di ali. Infinite ali.

Italo Kyogen Project

伊太郎狂言プロジェクト

Mr.Loto

... è sempre un qualche meraviglioso silenzio che porge alla vita il minuscolo o enorme boato di ciò che poi diventerà inamovibile ricordo ... (A. Baricco)

Penne d'Oriente

Giappone, Corea e Cina: un universo di letture ancora da scoprire

Memorie di una Geisha, multiblog internazionale di HAIKU di ispirazione giapponese

Ci ispiriamo agli antichi maestri giapponesi che cantarono la bellezza della natura e del cosmo, in 17 sillabe che chiamarono HAIKU

Il fiume scorre ancora

Blog letterario di Eufemia Griffo

Arte&Cultura

Arte, cultura, beni culturali, ... e non solo.

Un Dente di Leone

La quinta età: un soffio di vento sul dente di leone

Picture live

Vivir con amor

vengodalmare

« Io sono un trasmettitore, irradio. Le mie opere sono le mie antenne » (Joseph Beuys)

mammacomepiove!

Donna. Mamma. Sognatrice. In proporzioni variabili.

La poesia di un arabesque

"La danza è il linguaggio nascosto dell'anima" Martha Graham

Polvere o stelle

racconti, emozioni e pensieri danzanti

IO, ME E ME STESSA

Per andare nel posto che non sai devi prendere la strada che non conosci

Il Canto delle Muse

La cosa importante è di non smettere mai di interrogarsi. La curiosità esiste per ragioni proprie. Non si può fare a meno di provare riverenza quando si osservano i misteri dell'eternità, della vita, la meravigliosa struttura della realtà. Basta cercare ogni giorno di capire un po' il mistero. Non perdere mai una sacra curiosità. ( Albert Einstein )

... è sempre un qualche meraviglioso silenzio che porge alla vita il minuscolo o enorme boato di ciò che poi diventerà inamovibile ricordo ... (A. Baricco)

Orizzonti blog

blog di viaggi di Patrick Colgan

Pinocchio non c'è più

Per liberi pensatori e pensatori liberi

L'angolino di Ale

... è sempre un qualche meraviglioso silenzio che porge alla vita il minuscolo o enorme boato di ciò che poi diventerà inamovibile ricordo ... (A. Baricco)

DANZA/DANZARE

considerazioni, training, racconti

Di acqua marina di Lucia Griffo

Just another WordPress.com site

17 e 17

UN PO' PIU' DI TWITTER, UN PO' MENO DI UN BLOG

Studia Humanitatis - παιδεία

ΟYΤΩΣ AΤΑΛΑIΠΩΡΟΣ ΤΟIΣ ΠΟΛΛΟIΣ H ΖHΤΗΣΙΣ ΤHΣ AΛΗΘΕIΑΣ, ΚΑI EΠI ΤA EΤΟIΜΑ ΜAΛΛΟΝ ΤΡEΠΟΝΤΑΙ. «Così poco faticosa è per i più la ricerca della verità e molti si volgono volentieri verso ciò che è più a portata di mano». (Thuc. I 20, 3)

jalesh

Just another WordPress.com site

Cetta De Luca

io scrivo

filintrecciati

Just another WordPress.com site

OHMYBLOG | PAOLOSTELLA

just an other actor's blog

Sakura No Hana...

Composizioni in metrica giapponese

Versi in rima sciolta...

Versi che dipingono la natura e non solo...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: