Il padiglione d'oro

… è sempre un qualche meraviglioso silenzio che porge alla vita il minuscolo o enorme boato di ciò che poi diventerà inamovibile ricordo … (A. Baricco)

“Magic Shadows”: i Catapult e la danza delle ombre cinesi

A021_C001_05067J

“Lo scorso 12 Gennaio ho assistito ad un incredibile spettacolo di Danza moderna al Teatro Fabbri di Vignola. Premetto che non sono esperta di danza e che sono profana di danza moderna e perciò ho atteso con molta curiosità questo spettacolo. La compagnia di danza moderna americana dei Catapult nasce nel 2008 dal genio di Adam Battlestein, che aveva lavorato per diciannove anni come danzatore, coreografo e direttore creativo del famoso Pilobolus Dance Theater. Con Magic Shadows questi formidabili danzatori creano delle storie che entusiasmano, liberano la fantasia, coinvolgono i sensi e toccano il cuore. Essi creano un mondo di trasformazioni magiche fatte dai loro corpi in movimento e da giochi di ombre. Le coreografie sono vere e proprie storie raccontate per immagini che durante la performance si susseguono numerose e diverse.

Nella prima storia, dove si è trasportati nei vari ambienti ed elementi naturali e nei vari climi del nostro pianeta, essi riescono ad apparire, come per magia, sotto forma di un fiore, un fiocco di neve, una farfalla, un pinguino tra i ghiacci, un orso polare, un cammello nel deserto, un ranocchio, un cane, un polpo nel mare, un lombrico nel bosco, un ragno nella sabbia.

Proseguendo con il racconto veniamo trasportati nella storia di ognuno di noi dall’infanzia (con le sue paure) all’età adulta e all’incontro con l’amore della propria vita e i Catapult si trasformano con la loro danza in una casa, un letto, un tavolo, un castello, nei genitori con il loro piccolo. Assistiamo anche alla riproduzione per immagini di ciò che succede nella nostra mente durante il sonno e durante i nostri sogni con un gioco fantastico di luci. Andando ancora avanti ci viene raccontata la vita quotidiana che la coppia che conduce anche attraversando momenti tragici come la guerra e allora tra le immagini si susseguono fucili ed elicotteri. Siamo poi trasportati in un giro attorno al mondo: in Francia, in Spagna, In India, in Cina, in Medio Oriente. I Catapult diventano barche, torri, palazzi, templi, palme grazie alla loro abilità nel giocare con la loro fisicità attraverso il chiaro-scuro. Un’arte antica e misteriosa come quella delle ombre cinesi diventa incredibilmente attuale e stupefacente grazie a questa straordinaria compagnia di danzatori, facendoci tornare improvvisamente bambini e rendendo immediata la percezione e la comprensione della danza moderna e contemporanea attraverso una danza che oso chiamare “pittorica e grafica” in cui il movimento crea storie e immagini che rappresentano sentimenti, emozioni, che fanno parte della vita di ogni essere umano e perciò diventano universali.” > Gabriella <

La Compagnia dei Catapult

classifiche

Annunci

Un commento su ““Magic Shadows”: i Catapult e la danza delle ombre cinesi

  1. galadriel2068
    gennaio 21, 2015

    che bello… spero di avere l’occasione di vederli!

    Mi piace

I vostri pensieri

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Pensieri Scritti - l'essenza - io esisto

- Si crea ciò che il cuore pensa - @ElyGioia

Cap's Blog

La musica ha inizio dove finiscono le parole

Italo Kyogen Project

伊太郎狂言プロジェクト

Mr.Loto

... è sempre un qualche meraviglioso silenzio che porge alla vita il minuscolo o enorme boato di ciò che poi diventerà inamovibile ricordo ... (A. Baricco)

'mypersonalspoonriverblog®

Amore è uno sguardo dentro un altro sguardo che non riesce più a mentire

Penne d'Oriente

Giappone, Corea e Cina: un universo di letture ancora da scoprire!

Memorie di una Geisha, multiblog internazionale di HAIKU di ispirazione giapponese

Ci ispiriamo agli antichi maestri giapponesi che cantarono la bellezza della natura e del cosmo, in 17 sillabe che chiamarono HAIKU

Il fiume scorre ancora

Blog letterario di Eufemia Griffo

Arte&Cultura

Arte, cultura, beni culturali, ... e non solo.

Un Dente di Leone

La quinta età: un soffio di vento sul dente di leone

Picture live

Vivir con amor

vengodalmare

« Io sono un trasmettitore, irradio. Le mie opere sono le mie antenne » (Joseph Beuys)

mammacomepiove!

Donna. Mamma. Sognatrice. In proporzioni variabili.

La poesia di un arabesque

"La danza è il linguaggio nascosto dell'anima" Martha Graham

Polvere o stelle

racconti, emozioni e pensieri danzanti

IO, ME E ME STESSA

Per andare nel posto che non sai devi prendere la strada che non conosci

Il Canto delle Muse

La cosa importante è di non smettere mai di interrogarsi. La curiosità esiste per ragioni proprie. Non si può fare a meno di provare riverenza quando si osservano i misteri dell'eternità, della vita, la meravigliosa struttura della realtà. Basta cercare ogni giorno di capire un po' il mistero. Non perdere mai una sacra curiosità. ( Albert Einstein )

... è sempre un qualche meraviglioso silenzio che porge alla vita il minuscolo o enorme boato di ciò che poi diventerà inamovibile ricordo ... (A. Baricco)

Orizzonti blog

blog di viaggi

Pinocchio non c'è più

Per liberi pensatori e pensatori liberi

L'angolino di Ale

... è sempre un qualche meraviglioso silenzio che porge alla vita il minuscolo o enorme boato di ciò che poi diventerà inamovibile ricordo ... (A. Baricco)

DANZA/DANZARE

considerazioni, training, racconti

Di acqua marina di Lucia Griffo

Just another WordPress.com site

17 e 17

UN PO' PIU' DI TWITTER, UN PO' MENO DI UN BLOG

Studia Humanitatis - παιδεία

«Oὕτως ἀταλαίπωρος τοῖς πολλοῖς ἡ ζήτησις τῆς ἀληθείας, καὶ ἐπὶ τὰ ἑτοῖμα μᾶλλον τρέπονται.» «Così poco faticosa è per i più la ricerca della verità, e a tal punto i più si volgono di preferenza verso ciò che è più a portata di mano». (Tucidide, Storie, I 20, 3)

jalesh

Just another WordPress.com site

Cetta De Luca

io scrivo

filintrecciati

Just another WordPress.com site

OHMYBLOG | PAOLOSTELLA

just an other actor's blog

Sakura No Hana...

Composizioni in metrica giapponese

Versi in rima sciolta...

Versi che dipingono la natura e non solo...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: