Il padiglione d'oro

… è sempre un qualche meraviglioso silenzio che porge alla vita il minuscolo o enorme boato di ciò che poi diventerà inamovibile ricordo … (A. Baricco)

Da Napoli a Genova Through the Light: Roberto Bolle & Friends from ABT incanta il Teatro Carlo Felice

Non è mai facile mettere ordine tra i ricordi, specialmente quando questi riportano a momenti entusiasmanti e ricchi di emozioni.
Cercherò, però, di farlo per raccontare (per quanto possibile) la “mia” tappa a Genova del “Roberto Bolle and Friends from ABT” dello scorso 22 Novembre, presso il teatro Carlo Felice.
Sognavo questo weekend da settimane e finalmente arriva il sabato della partenza: con una cara amica prendiamo un Frecciarossa Napoli-Milano, e poi a Milano cambiamo treno per dirigerci a Genova.
Il viaggio è lungo, ben otto ore, ma il tempo passa in fretta tra chiacchiere, confidenze, risate e news dai social network, con il cuore già proiettato alla serata che ci attende.
Arrivate a Genova ci precipitiamo in albergo (che fortunatamente si trova a pochi passi dal teatro! Grazie a Lucia per averlo trovato!) incontrando nella hall le altre due divine Lucia e Monica R e ci sistemiamo nella “famosa” e super confortevole quadrupla.
Abbiamo giusto il tempo di fare un breve giro genovese nella zona tra albergo e teatro…ormai è ora di prepararsi per la serata.

10421547_10204383176892068_8976162090004167663_n

Sono le 20:30 e noi (#ledivineinquadrupla) siamo già nel foyer del teatro in trepidante attesa dell’inizio dello spettacolo. Inganniamo il tempo scattando foto qua e là e leggendo il programma dettagliato dei pezzi che sarebbero stati ballati…e già qui, per me, è un colpo al cuore, dal momento che la serata inizierà con il pdd da Excelsior, che amo particolarmente.

10407352_10204383452538959_193820888780481966_n

Jole, Marina, Lucia e Monica all’ingresso del Teatro

Il teatro è “tutto esaurito” e percepisco tanto entusiasmo e un pizzico di tensione tra il pubblico. Buio, parte la musica, il sipario si apre e la tensione si scioglie in un boato e un forte applauso non appena Roberto appare in scena.
Questo pas de deux di apertura, che vede impegnati Roberto Bolle e Isabella Boylston come coppia Schiavo-Civiltà, è di grande impatto, entusiasmante, coinvolgente e catalizza immediatamente l’attenzione di tutto il pubblico (e qui c’è da fare un plauso al grande talento di Roberto nel ruolo di direttore artistico dei suoi Bolle&Friends, e ciò risulta estremamente visibile nel corso di tutto lo spettacolo).
Inoltre, nella scelta di Excelsior, balletto tutto italiano di Luigi Manzotti su musica di Romualdo Marenco c’è, a mio parere, anche un messaggio di Roberto: come a dire “vi porto l’America e le sue eccellenze danzanti, ma non dimenticate che l’Italia ricopre un ruolo di grande importanza relativamente ad arte e cultura!”.
Roberto e Isabella sono in forma smagliante, impegnati in una coreografia altamente tecnica eseguono virtuosismi pazzeschi senza il minimo sforzo e fatica (apparentemente!). Roberto “vola” sul palco con dei grand-jetés da brividi, la perfezione dei suoi passi va oltre ogni immaginazione…ed è impossibile staccargli gli occhi di dosso anche a causa del “costumino” da schiavo che esalta l’imponenza del suo fisico statuario. Applausi a scena aperta e ovazioni finali per entrambi: il pubblico è ormai pronto per la Danza!

10354083_10204383231293428_6560500125663729655_n

Isabella Boylston e Roberto Bolle, Pas de deux da Excelsior

La seconda coreografia si intitola Elegy e vede impegnati Hee Seo e Cory Stearns. Anche questi due “friends” sono davvero in forma e ci regalano un passo a due delicato e intenso allo stesso tempo. Rimango con il fiato sospeso per tutta la durata del pezzo e i lunghi applausi finali sono davvero meritati da questi due artisti.
Si passa poi al divertente, scanzonato e acrobatico Le Bourgeois, cavallo di battaglia del simpaticissimo Principal ABT Daniil Simkin. Il superlativo danzatore russo riesce a far sorridere e a coinvolgere il pubblico, il quale rimane a bocca aperta grazie alle sue evoluzioni aeree che sfidano la forza di gravità!

L’atmosfera torna a farsi seria e carica di attesa non appena appaiono sul palco Roberto e la bellissima Julie Kent per il pdd dell’atto III de La dama delle camelie. Roberto e Julie possiedono un feeling eccezionale quando danzano insieme e durante questo pdd si trovano in un vero e proprio “stato di grazia”.
La loro intesa è perfetta e ogni sequenza di passi diventa un’emozione che arriva dritta al cuore. Roberto e Julie diventano un’anima sola e passo dopo passo i loro Armand e Marguerite prendono vita sul palcoscenico. La magia creata da questi due artisti immensi e dalle meravigliose note di Chopin mi portano su un altro pianeta, e io non posso far altro che lasciarmi trascinare dal dramma, dalla passione, dall’amore dei due protagonisti. Mi ci vuole qualche istante per capire che il pdd si è concluso, avrei voluto non finisse mai…brividi di emozione mi percorrono la schiena e lacrime di commozione si affacciano dietro le ciglia! Roberto e Julie sono due artisti fenomenali, ma insieme sono davvero speciali, creano qualcosa che va oltre la sola danza.

10150756_10204383248733864_5794555628349023360_n

Julie Kent e Roberto Bolle, Pas de deux da La Dama delle Camelie

Si prosegue con il pas de deux del II atto de Lo Schiaccianoci interpretato da James Whiteside e Skylar Brandt. I due Principals dell’ABT possiedono una tecnica perfetta ed è un piacere vederli impegnati in questo pdd tra i più famosi del balletto classico.
Si continua cavalcando l’onda delle emozioni con Passage. Si tratta di un assolo creato da Marco Pelle per Roberto Bolle a “completamento” di un video girato da Fabrizio Ferri che vede impegnati lo stesso Roberto e la ballerina Polina Semionova e che fa da sfondo alla coreografia.
Non è facile spiegare a parole le emozioni vissute durante questo assolo, che ho rivisto per la seconda volta.
Credo che Passage abbia un valore catartico, è, secondo me, la metafora della vita di ogni uomo. Rappresenta il percorso che un uomo si ritrova a fare quando la Vita obbliga ad attraversare il buio per trovare la Luce. Roberto ci accompagna per mano attraverso questo percorso che lo vede impegnato, anima e corpo, in prima persona ed esultiamo insieme a lui quando finalmente tocca la Luce. Con la sua incredibile interpretazione ci mostra una strada da seguire per cercare di abbandonare il pericolo dell’oscurità. Alla fine mi ritrovo completamente stordita e avvolta dal fragore di lunghi applausi attraverso i quali tutti noi vorremmo dire “grazie Roberto”.

10801729_10204383287614836_4749562001961553819_n

Roberto Bolle, Passage

Lo spettacolo (senza nemmeno l’intervallo) è un continuo alternarsi di emozioni e sensazioni diverse e prosegue con Tchaikovsky Pas de Deux di Balanchine. Questa coreografia vede impegnati Hee Seo e Cory Stearns, davvero in forma strepitosa, che eseguono pirouettes, salti, prese e sequenze tecniche ad alta velocità e complessità in modo magistrale e con grande affiatamento. Sono rimasta piacevolmente colpita dalla forza ed eleganza di Cory e poi Hee Seo è di una bravura disarmante oltre che una ballerina dotata di grande liricità.

1601436_10204383303735239_516479088541136702_n

Hee Seo e Cory Stearns, Tchaikovsky Pas de Deux

Segue This was written on water interpretato da Isabella Boylston e James Whiteside. Si tratta di una coreografia contemporanea in cui la bravura dei due ballerini è indubbia, ma che mi ha lasciato un po’ perplessa…credo che per apprezzarla al meglio sia necessario rivederla almeno una seconda volta.
Ed ecco Roberto Bolle e Julie Kent di nuovo insieme in eleganti abiti da sera, impegnati questa volta in Sinatra Suite. Li avevo già visti a Roma quest’estate danzare le musiche di Frank Sinatra ed è stato “amore a prima vista”. La magia della loro intesa perfetta si rinnova ed inizio a sognare a occhi aperti. Roberto e Julie sono eleganti, affascinanti, complici, divertenti, sorridenti e bellissimi…e io ad un tratto mi ritrovo a canticchiare That’s life.
Con Le fiamme di Parigi Daniil Simkin e Skylar Brandt “infiammano” il teatro, è proprio il termine adatto a descrivere lo stato del pubblico durante la loro performance. L’esibizione è un crescendo di giri, salti mozzafiato e virtuosismi…quasi una “sfida” tra i due ballerini che riscuotono tantissimi applausi.
E infine l’attesissimo Through the light al suo debutto mondiale, coreografato da Massimiliano Volpini e danzato da Roberto Bolle.
L’assolo è una “sfida tecnologica”: i movimenti di Roberto sono ripresi e proiettati su uno schermo alle sue spalle mediante una telecamera a infrarossi in tempo reale e l’ampia gonna lunga che indossa amplifica l’effetto sullo schermo, sul quale le sue movenze appaiono come quelle di un “angelo”.

10806385_10204383369336879_4459384451007361992_n

Roberto Bolle, Through the Light

Ho apprezzato molto questa nuova creazione di Volpini specialmente per la musica e l’intensità di ogni passo di Roberto ed è secondo me la naturale prosecuzione di Prototype (altra coreografia creata da Volpini per Roberto). Devo ammettere, però, che Prototype riesce a coinvolgermi di più…soprattutto emozionalmente, ma comunque è lodevole lo sforzo del coreografo e di Roberto di voler coniugare danza e nuove tecnologie.
Al termine di uno spettacolo entusiasmante, il pubblico è letteralmente in delirio per Roberto Bolle (acclamato a gran voce) e i suoi amici dell’ABT. Vorrei che questi otto danzatori fenomenali non lasciassero mai il palcoscenico. Sono state davvero tutte performance di altissimo livello, la grande Danza su un solo palcoscenico in una sola serata…grazie Roberto!

10685508_10204383376377055_7934997382387552594_n

Seguono applausi senza sosta, tutti noi vogliamo esprimere a Roberto la nostra gratitudine e lui, visibilmente compiaciuto e soddisfatto, sorride e ringrazia il pubblico salutandoci, come è solito fare, anche con la mano.
Terminato lo spettacolo raggiungiamo le altre “divine” all’uscita artisti con la speranza di poter fare i complimenti di persona a Roberto e ringraziarlo delle emozioni che ci regala ogni volta.
Dopo circa mezz’ora di attesa eccolo arrivare e posizionarsi dietro il bancone della biglietteria. Inizia il solito delirio e noi, poco distanti dalla porta, ci mettiamo “in fila”. Trascorrono alcuni minuti e mi ritrovo di fronte a lui…riesco appena a dirgli “complimenti”, lui mi sorride (io mi sciolgo!) e mi firma il programma della serata. Pochi secondi, poi il severissimo direttore del teatro ci invita a farci da parte.
Appena fuori la porta sono frastornata ma vorrei dirgli qualcosa in più. Rifaccio il “giro” visto che la folla è diminuita (e poi mi dico: cosa ho da perdere?!). Di nuovo davanti al bellissimo sorriso di Roberto Bolle gli dico di essere partita apposta da Napoli per venire ad ammirare la sua danza e che aspettiamo in tanti di rivederlo Napoli! Lui mi sorride compiaciuto e mi dice “va bene!”, poi mi porge la mano e stringendogliela gli chiedo una foto…lui esita…sa che quella sera non le hanno permesse ma non riesce a dirmi di no e in una frazione di secondo la mia amica ha già scattato, strappando una risata a tutti i presenti: Roberto, Marco Pelle al suo fianco e persino al direttore!

10353712_10204383423018221_7099933237256516840_n

Rientrando in albergo siamo tutte super felici…nel cuore e negli occhi Roberto e la sua danza…camminiamo sospese a mezz’aria e ognuna di noi ora possiede un motivo in più per sorridere.
Rientro a Napoli con la consapevolezza di aver vissuto un weekend da sogno con delle persone fantastiche! Grazie Roberto e grazie alla danza che mi permettono di vivere intense emozioni e mi fanno sentire viva!
> Jole <

10801982_10204383497300078_2777241803971651755_n

Di ritorno a Napoli…..

web

Annunci

I vostri pensieri

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Pensieri Scritti - l'essenza - io esisto

- Si crea ciò che il cuore pensa - @ElyGioia

Cap's Blog

La musica ha inizio dove finiscono le parole

Italo Kyogen Project

伊太郎狂言プロジェクト

Mr.Loto

... è sempre un qualche meraviglioso silenzio che porge alla vita il minuscolo o enorme boato di ciò che poi diventerà inamovibile ricordo ... (A. Baricco)

'mypersonalspoonriverblog®

Amore è uno sguardo dentro un altro sguardo che non riesce più a mentire

Penne d'Oriente

Giappone, Corea e Cina: un universo di letture ancora da scoprire!

Memorie di una Geisha, multiblog internazionale di HAIKU di ispirazione giapponese

Ci ispiriamo agli antichi maestri giapponesi che cantarono la bellezza della natura e del cosmo, in 17 sillabe che chiamarono HAIKU

Il fiume scorre ancora

Blog letterario di Eufemia Griffo

Arte&Cultura

Arte, cultura, beni culturali, ... e non solo.

Un Dente di Leone

La quinta età: un soffio di vento sul dente di leone

Picture live

Vivir con amor

vengodalmare

« Io sono un trasmettitore, irradio. Le mie opere sono le mie antenne » (Joseph Beuys)

mammacomepiove!

Donna. Mamma. Sognatrice. In proporzioni variabili.

La poesia di un arabesque

"La danza è il linguaggio nascosto dell'anima" Martha Graham

Polvere o stelle

racconti, emozioni e pensieri danzanti

IO, ME E ME STESSA

Per andare nel posto che non sai devi prendere la strada che non conosci

Il Canto delle Muse

La cosa importante è di non smettere mai di interrogarsi. La curiosità esiste per ragioni proprie. Non si può fare a meno di provare riverenza quando si osservano i misteri dell'eternità, della vita, la meravigliosa struttura della realtà. Basta cercare ogni giorno di capire un po' il mistero. Non perdere mai una sacra curiosità. ( Albert Einstein )

... è sempre un qualche meraviglioso silenzio che porge alla vita il minuscolo o enorme boato di ciò che poi diventerà inamovibile ricordo ... (A. Baricco)

Orizzonti blog

blog di viaggi

Pinocchio non c'è più

Per liberi pensatori e pensatori liberi

L'angolino di Ale

... è sempre un qualche meraviglioso silenzio che porge alla vita il minuscolo o enorme boato di ciò che poi diventerà inamovibile ricordo ... (A. Baricco)

DANZA/DANZARE

considerazioni, training, racconti

Di acqua marina di Lucia Griffo

Just another WordPress.com site

17 e 17

UN PO' PIU' DI TWITTER, UN PO' MENO DI UN BLOG

Studia Humanitatis - παιδεία

«Oὕτως ἀταλαίπωρος τοῖς πολλοῖς ἡ ζήτησις τῆς ἀληθείας, καὶ ἐπὶ τὰ ἑτοῖμα μᾶλλον τρέπονται.» «Così poco faticosa è per i più la ricerca della verità, e a tal punto i più si volgono di preferenza verso ciò che è più a portata di mano». (Tucidide, Storie, I 20, 3)

jalesh

Just another WordPress.com site

Cetta De Luca

io scrivo

filintrecciati

Just another WordPress.com site

OHMYBLOG | PAOLOSTELLA

just an other actor's blog

Sakura No Hana...

Composizioni in metrica giapponese

Versi in rima sciolta...

Versi che dipingono la natura e non solo...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: