Il padiglione d'oro

… è sempre un qualche meraviglioso silenzio che porge alla vita il minuscolo o enorme boato di ciò che poi diventerà inamovibile ricordo … (A. Baricco)

Continua la cronaca del #bolletour2014: 25 luglio, Terme di Caracalla

Di nuovo Eleonora fra di noi, a raccontarci della bellissima serata passata insieme a molte “amiche di danza” a Roma, per ammirare le Stelle della Danza riunite attorno a Roberto Bolle.
Grazie Ele, a te la parola…
*** *** ***
“Altra tappa del Bolle & Friends 2014 è stata a Roma – Terme di Caracalla, e ovviamente tutte le emozioni si sono rinnovate.
Per fortuna la serata di Roma di quest’anno non è stata scandita dalla pioggia, come ahimè la prima delle due date del Bolle Tour 2013 e soprattutto di Verona, ma al contrario è stata una calda serata estiva, illuminata oltre che dalle stelle del cielo anche da quelle della danza in una cornice meravigliosa come Caracalla, in cui la storia ci fa ricordare orgogliosamente chi siamo e quale sia il nostro passato.
A volte in questi luoghi magici come l’Arena, le Terme di Caracalla, il Colosseo mi fermo a pensare a quanto le pietre e i mattoni di questi luoghi abbiano visto scorrere sotto di loro, successi, insuccessi, le vite di migliaia di artisti e di persone comuni, e quanto solo questi luoghi siano gli unici veramente eterni!!!
Piccolo preambolo: appena entrate abbiamo avuto una piacevole sorpresa: poter ammirare Roberto mentre sul palco rilasciava un’intervista (piccola foto a documentazione di ciò).

Roby1E veniamo al programma: molto simile a quello di Verona pur con alcune differenze.
L’inizio è stato affidato all’Adagio della rosa, non compreso nel programma dell’Arena, tratto da La Bella Addormentata su coreografia di Marius Petipa, in cui si sono cimentati Hikaru Kobayashi, Federico Bonelli, Eris Nezha, Daniil Simkin e Cory Stearns.
Poi, come lo scorso anno, è stata la volta del pdd dall’atto I di Romeo e Giulietta eseguito da Hee Seo in coppia con Roberto Bolle.
La differenza con quello offerto all’Arena è indiscutibile. L’interpretazione che ne rende Roberto dell’innamorato, per antonomasia, ha qualcosa di unico che va al di là della coreografia, qualcosa di impalpabile che lo rende esattamente come l’immaginario femminile ha sempre idealizzato il suo “Romeo”.
E’ la volta poi di Apothèose (sempre un piacere vedere questo pdd) con Julie Kent e Cory Stearns, del pas de trois dall’atto II di Le Corsaire, e a conclusione della prima parte Passage.
Sono state approntate piccole varianti dovute alla location e all’assenza di Polina Semionova; l’entrata in scena di Roberto, infatti, è avvenuta dalla scala anteriore al palco (come peraltro mi sembra di aver capito è successo a Trieste) e il pdd con la Semionova è stato proiettato sullo schermo gigante, facendo quasi da contrappunto al ricordo vissuto in scena da Roberto.
Anche qui si è ricreata la magia nonostante queste varianti, una delle quali non certo da poco (visto che praticamente una parte della coreografia si è svolta sullo schermo): la forza di questo pezzo non è venuta assolutamente meno, anzi, forse lo ha colorito di nuove emozioni scaturite da questa diversa lettura (infatti a Verona la presenza della Semionova faceva si che l’incontro di questi due esseri umani fosse una rinascita mentre qui questo incontro si è trasformato in una sorta di struggente ricordo di qualcosa che è stato e forse non tornerà più).

roby2La seconda parte si è aperta con Tchaikovsky Pas de Deux con Hee Seo e Cory Stearns, poi a seguire Mono Lisa e, come a Verona, Alicia Amatriain e Roberto Bolle hanno esaltato il pubblico anche quello più compassato, tipo i signori che sedevano accanto a me.
E’ stata poi la volta di un pezzo non eseguito a Verona, il pdd di Thais su coreografia di Frederick Ashton che ha visto in scena nuovamente Hikaru Kobayashi e Federico Bonelli, di Sinatra Suite (per fortuna, questa volta, il vestito ha fatto meno danni che a Verona) e de Le Bourgeois.

roby3A chiusura della serata, un piacevolissimo ritorno, Prototype.
Questo connubio tra gli effetti speciali e la tradizione coreografica continua a piacermi, connubio che diventa quasi poetico quando, nella seconda parte, i gesti delicati di Roberto è come se accendessero le stelle nel cielo.

roby4Anche questa una bellissima serata da danza ad altissimo livello che ha avuto come conclusione questo magnifico sorriso.”

roby5

Annunci

I vostri pensieri

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Pensieri Scritti - l'essenza - io esisto

- Si crea ciò che il cuore pensa - @ElyGioia

Cap's Blog

La musica ha inizio dove finiscono le parole

Italo Kyogen Project

伊太郎狂言プロジェクト

Mr.Loto

... è sempre un qualche meraviglioso silenzio che porge alla vita il minuscolo o enorme boato di ciò che poi diventerà inamovibile ricordo ... (A. Baricco)

'mypersonalspoonriverblog®

Amore è uno sguardo dentro un altro sguardo che non riesce più a mentire

Penne d'Oriente

Giappone, Corea e Cina: un universo di letture ancora da scoprire!

Memorie di una Geisha, multiblog internazionale di HAIKU di ispirazione giapponese

Ci ispiriamo agli antichi maestri giapponesi che cantarono la bellezza della natura e del cosmo, in 17 sillabe che chiamarono HAIKU

Il fiume scorre ancora

Blog letterario di Eufemia Griffo

Arte&Cultura

Arte, cultura, beni culturali, ... e non solo.

Un Dente di Leone

La quinta età: un soffio di vento sul dente di leone

Picture live

Vivir con amor

vengodalmare

« Io sono un trasmettitore, irradio. Le mie opere sono le mie antenne » (Joseph Beuys)

mammacomepiove!

Donna. Mamma. Sognatrice. In proporzioni variabili.

La poesia di un arabesque

"La danza è il linguaggio nascosto dell'anima" Martha Graham

Polvere o stelle

racconti, emozioni e pensieri danzanti

IO, ME E ME STESSA

Per andare nel posto che non sai devi prendere la strada che non conosci

Il Canto delle Muse

La cosa importante è di non smettere mai di interrogarsi. La curiosità esiste per ragioni proprie. Non si può fare a meno di provare riverenza quando si osservano i misteri dell'eternità, della vita, la meravigliosa struttura della realtà. Basta cercare ogni giorno di capire un po' il mistero. Non perdere mai una sacra curiosità. ( Albert Einstein )

... è sempre un qualche meraviglioso silenzio che porge alla vita il minuscolo o enorme boato di ciò che poi diventerà inamovibile ricordo ... (A. Baricco)

Orizzonti blog

blog di viaggi

Pinocchio non c'è più

Per liberi pensatori e pensatori liberi

L'angolino di Ale

... è sempre un qualche meraviglioso silenzio che porge alla vita il minuscolo o enorme boato di ciò che poi diventerà inamovibile ricordo ... (A. Baricco)

DANZA/DANZARE

considerazioni, training, racconti

Di acqua marina di Lucia Griffo

Just another WordPress.com site

17 e 17

UN PO' PIU' DI TWITTER, UN PO' MENO DI UN BLOG

Studia Humanitatis - παιδεία

«Oὕτως ἀταλαίπωρος τοῖς πολλοῖς ἡ ζήτησις τῆς ἀληθείας, καὶ ἐπὶ τὰ ἑτοῖμα μᾶλλον τρέπονται.» «Così poco faticosa è per i più la ricerca della verità, e a tal punto i più si volgono di preferenza verso ciò che è più a portata di mano». (Tucidide, Storie, I 20, 3)

jalesh

Just another WordPress.com site

Cetta De Luca

io scrivo

filintrecciati

Just another WordPress.com site

OHMYBLOG | PAOLOSTELLA

just an other actor's blog

Sakura No Hana...

Composizioni in metrica giapponese

Versi in rima sciolta...

Versi che dipingono la natura e non solo...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: