Il padiglione d'oro

… è sempre un qualche meraviglioso silenzio che porge alla vita il minuscolo o enorme boato di ciò che poi diventerà inamovibile ricordo … (A. Baricco)

Roberto Bolle e la fissione nucleare: “lectio magistralis” di danza all’Arena di Verona

 

Martedì 22 luglio, all’Arena di Verona, fra le numerose “amiche di danza” venute da varie parti d’Italia per applaudire la nostra Stella e i suoi Friends, c’era anche Velia, un’amica speciale e non solo di danza, una scrittrice che sa accostare le parole una accanto all’altra per creare un puzzle di emozioni. Parole che non lasciano mai indifferenti. Chi mi segue da un po’ di tempo ricorderà di averla già incontrata tra queste pagine (https://ilpadiglionedoro.wordpress.com/2014/05/19/tournee-italiana-del-kremlin-ballet-di-mosca-il-lago-dei-cigni-a-bologna/). Mi ha donato i suoi pensieri sulla serata. Grazie Velia, sai quanto amo quello che scrivi, qui e altrove.

A voi la parola e la lettura, amanti della danza!
***************
“Prima di parlare dello spettacolo di martedì 22 luglio vorrei non tanto porre l’attenzione sul Bolle ballerino, quanto sul Bolle direttore artistico dei suoi galà. Dopo aver visto un certo numero di spettacoli di questo genere (non solo suoi), penso che Bolle non sia solo un uomo di teatro che conosce bene il suo mestiere, con una vasta preparazione nella sua materia, ma anche una persona che ha l’intelligenza per capire cosa vorrà il proprio pubblico. Non è una dote da poco e non è neanche scontata, al contrario, e il fatto che i suoi spettacoli cambino a seconda della location ne è la dimostrazione. Martedì sera l’Arena di Verona, con i suoi 13.000/14.000 spettatori presentava un pubblico a dir poco variegato, composto da persone di tutte le età e nazionalità, piuttosto bilanciata tra uomini e donne. Una massa di persone che ha salutato la fine della pioggia con la ola. Giusto per spiegare il palato “raffinato” e l’entusiasmo vero. Nella maggior parte dei casi, questa moltitudine presentava una scarsissima cultura sulla danza e credo che una buona percentuale dei presenti non sapesse neanche che gli uomini non salgono sulle punte. Di fronte a un pubblico del genere Bolle ha deciso di presentare un balletto nuovo, Passage, in prima mondiale. Non poteva “buttarlo via” e non l’ha fatto, nonostante la pioggia che ha messo a rischio lo spettacolo. Spettacolo che è cominciato alle undici e venti circa ed è finito che erano quasi le due di notte: un fatto, questo dell’orario, che poteva giocare molto a sfavore dell’esibizione perché la stanchezza dei ballerini e del pubblico poteva influenzare negativamente l’energia necessaria all’esibizione, ma così non è stato. Riguardando il programma della serata mi viene in mente quando, in seconda liceo, un noto docente universitario venne a spiegarci la fissione nucleare. Non avremmo mai potuto capire niente se prima non ci avesse fatto un’introduzione sulla Chimica e sui suoi legami. Quel professore fece una delle lezioni più interessanti cui io abbia mai assistito, tale da ricordarmela dopo oltre vent’anni. Ecco, Bolle, come quel professore, ci ha preso per mano dal primo balletto partendo da un’ampia panoramica su cos’è la Danza Classica, fino a portarci alla fissione nucleare di Passage, facendoci una lezione che in tanti, ne sono sicura sentendo i commenti del dopo spettacolo, ricorderanno per molto tempo.

Roberto-Bolle-e-Polina-Semionova-in-Passage-di-Fabrizio-Ferri

Polina Semionova e Roberto Bolle, Passage (ph. Fabrizio Ferri)

La serata è cominciata con il primo colpo di teatro. E come dargli torto? Nella città di Romeo e Giulietta, con quella scenografia comprensiva addirittura di “balconcino”, non si poteva non cominciare con il passo a due del I Atto di Romeo e Giulietta (MacMillan) stupendo il pubblico da subito con una Giulietta che scendeva dall’alto i gradini dell’Arena. Bolle, che è appunto un uomo di teatro intelligente che conosce bene i trucchi del mestiere, ha creato l’atmosfera e, contemporaneamente l’aspettativa della star, gettando nell’arena (perdonate il facile gioco di parole) due ottimi ballerini, Hee Seo ed Eris Nezha, che se la sono cavata egregiamente, nonostante le oggettive difficoltà (quando ho visto Hee Seo scendere quei gradini resi scivolosi dalla pioggia ho avuto un brivido lungo la schiena).

seo_nehza_romeo_e_giulietta

Hee Seo e Eris Nezha, Romeo e Giulietta

Dopo averci fatto sospirare con il primo brano, la star si è palesata con il passo a due del III Atto del Lago dei cigni (Petipa). Un assaggio di un pezzo classico sul quale si va sul sicuro, non nel senso che sia facile, ma nel senso che il pubblico lo può capire e apprezzare anche se a digiuno totale di balletti. Anche questa è stata una scelta intelligente: la musica, un aspetto fondamentale, è nota a tutti, è piacevole, e il passo a due è uno dei più famosi nella storia del balletto. Una cosa “rassicurante”, che non mette in difficoltà lo spettatore, ma che lo fa entrare nella magia.

Roberto Bolle, Lago dei cigni

Giusto perché si tratta di un balletto, faccio una nota di menzione per Polina Semionova che trovo sempre deliziosa.

A questo punto, entrati ormai nella magia e presa confidenza con il linguaggio, si poteva “spostare l’asta” un po’ più in là e cominciare il vero percorso. Le Bourgeois (Van Cauwenbergh) è un assolo divertente, fatto di virtuosismi “gridati” che Daniil Simkin, con i suoi salti eccezionali, rende un vero e proprio fuoco d’artificio. Il pubblico si è divertito (non sono mancati, di fronte i suoi incredibili salti, gli “ohh!” che ricordavano lo stupore dei bambini di fronte all’illusionista) e ha colto il messaggio per cui, oltre alle punte e alla calzamaglia, c’è altro. E quell’altro è arrivato, mantenendo una linea precisa che ci ha portato fino all’intervallo.

Daniil Simkin, Le bourgeois

Apothéose (Gomes) è un bel pezzo, un passo a due moderno e passionale che Julie Kent e Cory Stearn hanno interpretato con delicatezza. Ho avuto la sensazione che, seppur apprezzato, questo sia stato il pezzo meno “capito” dal pubblico, che ha abbassato di un mezzo tono il volume dell’applauso. Bisogna dire che dopo l’acclamazione per Simkin era difficile, se non impossibile, replicare subito. Non credo sia un caso il fatto che, leggendo poi i commenti sparsi, questo sia stato uno dei pezzi più apprezzati proprio dagli spettatori più esperti.

corey_kent_apotheose_arena_verona

Julie Kent e Cory Stearns, Apothéose

Si è proceduto, come ultimo pezzo prima della pausa, con Mono Lisa (Galili) un passo a due molto bello e particolare, ma con cui si può cadere nell’errore di trasformarlo in un semplice “pezzo ginnico”. Amatriain a parte, che è meravigliosa e non sbaglia una virgola, qui mi ha colpito il Bolle ballerino. Avevo visto Mono Lisa tre anni prima ballato da Jason Reilly e mi era sembrato, proprio, un pezzo ginnico o poco più. Bolle invece, col portamento da danseur noble che lo contraddistingue, lo ha reso più “balletto”, meno ginnico, ma più elegante. Qualcuno l’ha visto più lento, ma, onestamente, in questo non ho sentito alcun difetto.

Alicia Amatriain e Roberto Bolle, Mono Lisa

La seconda parte della serata aveva uno schema simile alla prima, ma il percorso era meno lineare, del resto il pubblico era già pronto ad aspettarsi passione, fuochi d’artificio e tecnica classica. Dopo l’intervallo si dovevano riprendere le fila del discorso e così ci è stato proposto nuovamente un pezzo classico, meno noto al grande pubblico, ma apprezzabilissimo: Cajkovskij Pas de Deux (Balanchine) interpretato ancora da Hee Seo con Cory Stearn. Questo è stato il brano che personalmente mi è piaciuto di meno. Nulla da dire sugli interpreti, ma mi è mancato qualcosa, come se non ci fosse la giusta alchimia. È stata, però, un’impressione solo mia perché il pubblico l’ha accolto molto bene.

Si è proseguito con un altro cavallo di battaglia della star, di quelli da “ti piace vincere facile”, il che potrebbe anche essere vero se non fosse per il dettaglio di quelle 13/14.000 persone e dell’orario. Perché sia chiaro: per quanto uno spettacolo sia bello, trovarsi all’una di notte di un giorno feriale con ancora quasi metà spettacolo davanti non è facile né per chi assiste né, soprattutto, per chi balla. Carmen Suite (Petit) è uno di quei balletti sensuali che, in genere, crea dipendenza. L’avrò visto ormai non so quante volte e con almeno tre partner diverse. Semionova è diventata una delle mie preferite.

semionova_bolle_carmen_arena_verona

Polina Semionova e Roberto Bolle, Carmen

Fanfare LX (Lee) è un pezzo che non conoscevo, un passo a due interessante che ha ripreso il percorso “moderno” del primo atto, senza quei fuochi d’artificio. Amatrian è stata deliziosa, Reilly sempre un po’ ginnico, qualità che, però, in genere direi che è stata apprezzata.

Si arriva quindi agli ultimi tre brani che sono fondamentali: per quella che è la mia esperienza in un galà del genere, il pubblico ricorderà il brano d’apertura, quello subito prima della pausa, se è molto coinvolgente, e l’ultimo, forse gli ultimi due se si è particolarmente capaci. Se poi si è intorno all’una e venti di notte, il gioco si fa ancor più difficile. E qui l’occhio intelligente ha dato nuovamente prova di sé: Bolle è entrato in scena con Sinatra Suite (Tharp) insieme a Julie Kent. Un pezzo che, almeno a me, è apparso tutt’altro che semplice, ma di quel virtuosismo non “gridato”, senza quei salti incredibili e più vicino, in questi termini (e solo in questi), al pezzo finale. Un balletto del genere, fatto con una musica diversa, avrebbe potuto addormentare il pubblico, invece con i brani così noti cantati dalla voce di Sinatra ha coinvolto il pubblico in un pezzo quasi “televisivo”, scongiurando il rischio del sonno.

Per dare un’idea di quello che voglio dire basta pensare che, a spettacolo finito, oltre ai commenti entusiasti, alcuni cantavano proprio quei brani. Cosa dicevo relativamente al ricordare i brani di un galà del genere? Ecco, in questo caso si è arrivati a ricordare anche il terzultimo.

Dopo Sinatra è stato il momento degli ultimi fuochi d’artificio con un pezzo classico, ma di quelli che tengono, per forza di cose, svegli: il Pas de Trois del III atto di Le Corsaire (Petipa): in scena Eris Nezha, Skylar Brandt e Daniil Simkin. Per chi avesse avuto il timore di annoiarsi, Simkin ha fatto la cosa che sa fare al meglio coadiuvato dai colleghi in modo egregio. Siamo arrivati quindi alla fine, pronti per Passage (Pelle): un pezzo intimo, che parte dal filmato di Fabrizio Ferri (sua anche la musica) che racconta la storia di passaggio di un uomo. Ho trovato questo pezzo splendido, a tratti struggente, degna conclusione della serata.

Polina Semionova e Roberto Bolle, Passage (ph. Luciano Romano)

Alle due di notte ci sono stati diversi minuti di applausi a tutta la compagnia, in modo particolare a Daniil Simkin, con diverse richiami in scena. Manifestazioni di apprezzamento sincero, che andavano oltre la star, abbracciando il lavoro di tutti. Un’altra piccola nota di merito che voglio riconoscere a Bolle: come dicevo all’inizio, ho visto diversi galà del genere con altri artisti e lui è sempre stato l’unico che, agli applausi finali, ha richiamato in scena tutti i suoi colleghi. Visto che voglio essere odiosa fino in fondo ho deciso di riportare anche l’unica nota negativa della serata: le luci. Posto che, essendo in una posizione leggermente laterale potrei aver subito un “errore di parallasse”, ho notato che i riflettori illuminavano il palco in una posizione “a occhio di bue” laterale, fissa, indipendente dalla posizione in cui ballavano gli artisti e questo mi ha dato l’impressione che “fossero in ombra” per una buona parte dello spettacolo. Infine, durante Passage, i “tagli”, ovvero le luci che dalla quinta illuminano “orizzontalmente” il proscenio, erano bassi, così bassi da “decapitare” Bolle. Però, onestamente, non posso dire che questa cosa abbia disturbato anche altri, che non fosse voluta o che non fosse dovuta a qualche problema tecnico. A parte questo piccolo, anzi piccolissimo, neo (che credo di aver notato solo io) lo spettacolo “ha funzionato” egregiamente in ogni sua parte. In conclusione posso solo dire, ripetendomi, che è stato uno spettacolo bello e, soprattutto, intelligente: ha centrato l’obiettivo di far conoscere la danza a chi non l’aveva mai vista, lasciando la voglia, ai molti che ho sentito commentare dopo, il desiderio di rivedere qualcosa del genere, il tutto senza che la qualità ne risentisse minimamente. Ci tengo a precisare che per “molti” non intendo solo donne con l’ormone impazzito (sì, è vero: Bolle sa far vedere quello che la gente vuole vedere), ma anche quelli che non erano interessati sin dall’inizio. Sicuramente il gioco del marketing ha la sua importanza, ma lo spettacolo, in sé, funziona indipendentemente dal marketing. Il “tutto esaurito” grazie al marketing può andare per la prima stagione, forse la seconda, ma poi, se non si porta in scena qualcosa di veramente valido, oltre il bell’aspetto, non si riesce più, soprattutto in tempi in cui la gente si stanca in fretta di tutto.

7 commenti su “Roberto Bolle e la fissione nucleare: “lectio magistralis” di danza all’Arena di Verona

  1. romana casiraghi
    agosto 1, 2014

    Ancora tanti complimenti, brava e grazie per farci rivivere la serata. Ciao ciao

    "Mi piace"

  2. marilicia
    agosto 2, 2014

    Ti auguro una felice estate, mia cara.
    Un abbraccio.
    Marilicia.

    "Mi piace"

  3. Laura
    agosto 2, 2014

    Gran bel report dedicato all’evento di Verona! Scritto con attenzione e dovizia di dettagli/notazioni, senza perdersi in banali ed inutili deliqui e deliri di cui spesso sono preda i fans di Bolle (che svengono, palpitano, perdono il dono della parola e perciò non ti dicono nulla dei balletti, dei dettagli, delle curiosità e peculiarità delle esibizioni!) 🙂

    "Mi piace"

    • Velia
      agosto 2, 2014

      Grazie delle tue parole! E naturalmente grazie a Manuela e Valentina che hanno impreziosito queste mio racconto!

      "Mi piace"

    • ilpadiglionedoro
      agosto 3, 2014

      Concordo con il tuo commento, Laura. Velia ha il dono di cogliere l’essenziale e saperlo descrivere con passione e accuratezza.
      Io…talvolta faccio parte dell’altro gruppo.:-) (quelle tra parentesi) ma Roberto è speciale. Chiedo venia.
      Grazie, Laura, per essere passata fra queste pagine.

      "Mi piace"

Rispondi a Velia Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Pensieri Scritti - l'essenza - io esisto

- Si crea ciò che il cuore pensa - @ElyGioia

Cap's Blog

La musica ha inizio dove finiscono le parole

Italo Kyogen Project

伊太郎狂言プロジェクト

Mr.Loto

... è sempre un qualche meraviglioso silenzio che porge alla vita il minuscolo o enorme boato di ciò che poi diventerà inamovibile ricordo ... (A. Baricco)

'mypersonalspoonriverblog®

Amore è uno sguardo dentro un altro sguardo che non riesce più a mentire

Penne d'Oriente

Giappone, Corea e Cina: un universo di letture ancora da scoprire!

Memorie di una Geisha, multiblog internazionale di HAIKU di ispirazione giapponese

Ci ispiriamo agli antichi maestri giapponesi che cantarono la bellezza della natura e del cosmo, in 17 sillabe che chiamarono HAIKU

Il fiume scorre ancora

Blog letterario di Eufemia Griffo

Arte&Cultura

Arte, cultura, beni culturali, ... e non solo.

Un Dente di Leone

La quinta età: un soffio di vento sul dente di leone

Picture live

Vivir con amor

vengodalmare

« Io sono un trasmettitore, irradio. Le mie opere sono le mie antenne » (Joseph Beuys)

mammacomepiove!

Donna. Mamma. Sognatrice. In proporzioni variabili.

La poesia di un arabesque

"La danza è il linguaggio nascosto dell'anima" Martha Graham

Polvere o stelle

racconti, emozioni e pensieri danzanti

IO, ME E ME STESSA

Per andare nel posto che non sai devi prendere la strada che non conosci

Il Canto delle Muse

La cosa importante è di non smettere mai di interrogarsi. La curiosità esiste per ragioni proprie. Non si può fare a meno di provare riverenza quando si osservano i misteri dell'eternità, della vita, la meravigliosa struttura della realtà. Basta cercare ogni giorno di capire un po' il mistero. Non perdere mai una sacra curiosità. ( Albert Einstein )

... è sempre un qualche meraviglioso silenzio che porge alla vita il minuscolo o enorme boato di ciò che poi diventerà inamovibile ricordo ... (A. Baricco)

Orizzonti blog

blog di viaggi

Pinocchio non c'è più

Per liberi pensatori e pensatori liberi

L'angolino di Ale

... è sempre un qualche meraviglioso silenzio che porge alla vita il minuscolo o enorme boato di ciò che poi diventerà inamovibile ricordo ... (A. Baricco)

DANZA/DANZARE

considerazioni, training, racconti

Di acqua marina di Lucia Griffo

Just another WordPress.com site

17 e 17

UN PO' PIU' DI TWITTER, UN PO' MENO DI UN BLOG

Studia Humanitatis - παιδεία

«Oὕτως ἀταλαίπωρος τοῖς πολλοῖς ἡ ζήτησις τῆς ἀληθείας, καὶ ἐπὶ τὰ ἑτοῖμα μᾶλλον τρέπονται.» «Così poco faticosa è per i più la ricerca della verità, e a tal punto i più si volgono di preferenza verso ciò che è più a portata di mano». (Tucidide, Storie, I 20, 3)

jalesh

Just another WordPress.com site

Cetta De Luca

io scrivo

filintrecciati

Just another WordPress.com site

OHMYBLOG | PAOLOSTELLA

just an other actor's blog

Sakura No Hana...

Composizioni in metrica giapponese

Versi in rima sciolta...

Versi che dipingono la natura e non solo...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: