Il padiglione d'oro

… è sempre un qualche meraviglioso silenzio che porge alla vita il minuscolo o enorme boato di ciò che poi diventerà inamovibile ricordo … (A. Baricco)

Storia della danza in pillole – La via tedesca: Dalcroze, fondatore dell’euritmica

Emile Jacques Dalcroze

Emile Jacques Dalcroze (1865-1950), un musicista e pedagogo svizzero, fu il fondatore dell’euritmica, un sistema di educazione musicale attraverso il movimento, che ha avuto ampie ripercussioni sulle nuove correnti della danza europea.
Egli scoprì, quasi casualmente, durante le lezioni di solfeggio impartite ai suoi allievi, che l’acquisizione del senso del ritmo viene agevolata se la scansione dei tempi musicali viene accompagnata dai movimenti.
Egli intuì che il corpo svolge un ruolo di intermediario tra il suono e il pensiero e poteva diventare lo strumento diretto dei sentimenti. Su questo spunto iniziale egli intraprese una ricerca sistematica che lo portò a costruire un sistema pedagogico diretto a sviluppare il senso musicale nell’uomo inteso nella sua totalità: sensazioni, intelligenza, corpo.

La Scuola di Dalcroze: quattro danzatrici in volo (ph. Frederick Boissonnas)

Dalcroze si rese conto che l’economia delle forze muscolari tende ad eliminare i movimenti superflui e a dare voce alle emozioni interiori trasmesse dalla musica attraverso un gesto essenziale direttamente significativo. Su queste basi egli impostò il suo metodo d’insegnamento, che consiste nel far praticare agli allievi un solfeggio corporeo, con esercizi sempre più complessi, fondati su ripetizioni e sovrapposizioni di ritmi a cui corrispondono movimenti netti ed essenziali.

E’ la musica a generare l’impulso motorio che traduce le reazioni emotive.
Le teorie dalcroziane fecero scuola ed estesero la loro influenza, limitata dapprima all’area tedesca (Mary Wigman fu una sua allieva), a tutta l’Europa, prima di trasmigrare oltreoceano.
Ne risentì anche Djagilev, che assumerà come assistente di Nijinskij per la coreografia di Le Sacre du Printemps Marie Rambert, un’allieva di Dalcroze.
Non dimentichiamo poi l’influenza esercitata su Appia, il grande riformatore del teatro, che dalla lunga collaborazione con Dalcroze trarrà importanti stimoli per rivalutare la funzione del corpo vivente dell’attore nella definizione della messinscena del dramma musicale wagneriano.

Adolphe François Appia

Riadattato da Storia della danza occidentale, di Silvana Sinisi

Annunci

I vostri pensieri

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il marzo 10, 2014 da in Danza, Storia della danza con tag , , , , , , , .
Un Dente di Leone

La quinta età: un soffio di vento sul dente di leone

PAROLE LORO

«L'attualità tra virgolette»

Picture live

Vivir con amor

vengodalmare

« Io sono un trasmettitore, irradio. Le mie opere sono le mie antenne » (Joseph Beuys)

mammacomepiove!

Donna. Mamma. Sognatrice. In proporzioni variabili.

La poesia di un arabesque

"La danza è il linguaggio nascosto dell'anima" Martha Graham

maplesexylove

_Fall in love with style_

Polvere o stelle

racconti, emozioni e pensieri danzanti

IO, ME E ME STESSA

Per andare nel posto che non sai devi prendere la strada che non conosci

Il Canto delle Muse

Se ho provato momenti di entusiasmo, li devo all'arte; eppure, quanta vanità in essa! voler raffigurare l'uomo in un blocco di pietra o l'anima attraverso le parole, i sentimenti con dei suoni e la natura su una tela verniciata. Gustave Flaubert

... è sempre un qualche meraviglioso silenzio che porge alla vita il minuscolo o enorme boato di ciò che poi diventerà inamovibile ricordo ... (A. Baricco)

Orizzonti

blog di viaggi

galadriel2068

emozioni, racconti e polvere... o stelle

Pinocchio non c'è più

Per liberi pensatori e pensatori liberi

L'angolino di Ale

... è sempre un qualche meraviglioso silenzio che porge alla vita il minuscolo o enorme boato di ciò che poi diventerà inamovibile ricordo ... (A. Baricco)

Photo

usa gli occhi..

Paturnie e altre pazzate

Parole fatte a pezzi. Parole come pezzi. Di me. Io: patchwork in progress.

DANZA/DANZARE

considerazioni, training, racconti

Di acqua marina di Lucia Griffo

Just another WordPress.com site

17 e 17

UN PO' PIU' DI TWITTER, UN PO' MENO DI UN BLOG

Studia Humanitatis - παιδεία

«Oὕτως ἀταλαίπωρος τοῖς πολλοῖς ἡ ζήτησις τῆς ἀληθείας, καὶ ἐπὶ τὰ ἑτοῖμα μᾶλλον τρέπονται.» «Così poco faticosa è per i più la ricerca della verità, e a tal punto i più si volgono di preferenza verso ciò che è più a portata di mano». (Tucidide, Storie, I 20, 3)

jalesh

Just another WordPress.com site

Cetta De Luca

io scrivo

filintrecciati

Just another WordPress.com site

OHMYBLOG | PAOLOSTELLA

just an other actor's blog

life to reset

drifting, exploring, surviving

hinomori

Fuoco e ghiaccio

Versi in rima sciolta...

Versi che dipingono la natura e non solo...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: