Il padiglione d'oro

… è sempre un qualche meraviglioso silenzio che porge alla vita il minuscolo o enorme boato di ciò che poi diventerà inamovibile ricordo … (A. Baricco)

Storia della danza in pillole – La danza nel mondo antico

Le origini
La danza è un linguaggio universale che nasce dal movimento, manifestazione primaria di vita.
Ancora prima di imparare a parlare, l’uomo ha imparato a danzare, ritrovando, nel suo corpo e nella sua anima, la vibrazione di quel ritmo che governa i fenomeni naturali, i cieli, le costellazioni.

Pittura rupestre di Sefar, in Africa

Molti miti cosmogonici fanno scaturire l’origine del mondo dalla danza.
Numerosi graffiti e dipinti nelle grotte del Nord Africa e di molte regioni europee, risalenti fino al 14.000 a.C., presentano, accanto all’effigie di animali, l’uomo che danza: si tratta per lo più di un movimento vorticoso sul proprio asse, che si sviluppa da destra a sinistra, come il movimento cosmico degli astri.
Intorno all’8.000 a.C. nascono le prime forme di organizzazione tribale ed è la danza a cementare l’unione fra gli uomini appartenenti ad una stessa comunità. A questa età risalgono le più antiche rappresentazioni di danza corale, in cui gli esecutori con il capo mascherato si dispongono in circolo intorno ad una o due persone.
Per i nostri antenati, così come per i popoli primitivi, la danza appartiene alla sfera sacra.

La danza in Grecia
In Grecia la danza era considerata di origine divina ed era posta alla base di un sistema educativo finalizzato a raggiungere l’euritmia, l’armonioso equilibrio tra corpo e spirito, fondato sull’unità lirica di danza – musica – poesia.
Sull’isola di Creta si ritrovano le danze più antiche, le prime testimonianze figurative di danze in circolo o allineate, dove cori misti e solo femminili si muovono seguendo un suonatore di lira.
Da Creta la danza passò in Grecia, dove si svilupparono due grandi correnti molto diverse fra loro: le danze apollinee e le danze dionisiache.
Le danze apollinee, di origine cretese o dorica, avevano carattere solenne, rituale, e ubbidivano ai principi dell’euritmia. In seguito assunsero valenza profana.
Ricordiamo i “peana” (a carattere magico-apotropaico, con movimenti vivaci), le “gimnopedie” (a scopo educativo, con movimenti ginnici e guerreschi), le “pirriche” (danze d’armi, esaltate per la loro perfezione; eseguite in assolo, a coppie o in forma collettiva, con passi vorticosi, corse, salti e vari movimenti delle braccia. Sembra che il primo ad eseguire questa danza sia stato Achille, davanti alla pira di Patroclo).

Fidia, Corteo delle Panatenee (Partenone)
Museo del Louvre, Parigi

Le danze dionisiache, di ascendenza tracica o ionico-asiatica, erano danze sfrenate, orgiastiche e considerate da Platone come inferiori, non adatte al perfetto cittadino. Sviluppavano i vari gradi dell’estasi, sino al completo annientamento della coscienza individuale. In origine erano praticate soprattutto da donne (le “menadi”). Con il tempo persero la violenza originaria per adattarsi alle esigenze comunitarie del culto di Dioniso. Uomini mascherati da satiri, le donne da menadi, danzavano con movimenti turbinosi che scomponevano le vesti, spesso flettendo all’indietro il dorso e la testa.
Dai riti dionisiaci prenderà vita il teatro, fondato sull’armoniosa collaborazione di tutte le arti.
Aristotele collega la nascita della tragedia al “ditirambo”, inno sorto nella regione di Corinto intorno al VII secolo, accompagnato da danze in occasione delle feste dedicate al dio Dioniso.
Arione avrebbe dato al ditirambo dignità letteraria, mentre Tespi avrebbe sviluppato la valenza spettacolare. Tespi avrebbe anche creato la figura dell’attore.
Con il decadere dell’egemonia di Atena nel IV secolo, il teatro si diffonde fuori dall’Attica, trascurando del tutto le scadenze festive del calendario religioso.

Skopas, Menade danzante

Rielaborato da: S. Sinisi, Storia della danza occidentale

Annunci

5 commenti su “Storia della danza in pillole – La danza nel mondo antico

  1. maycol
    maggio 23, 2012

    e sempre stupendo leggerti ………………. hi maycol

  2. donnaflora1968
    maggio 23, 2012

    E sempre stupendo rileggere questo percorso artistico……
    Un grande abbraccio tesoro caro

  3. Marilicia
    maggio 23, 2012

    Veramente meraviglioso questo blog.
    Complimenti,

    • ilpadiglionedoro
      maggio 24, 2012

      Carissime Flo e Marilicia, alcune parti di questo blog per voi non sono nuove. Per questo vi ringrazio di passare a salutarmi ogni tanto. Mi mancate. Un bacio ad entrambe.

I vostri pensieri

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il maggio 23, 2012 da in Danza, Storia della danza con tag , , , , .
Un Dente di Leone

La quinta età: un soffio di vento sul dente di leone

PAROLE LORO

«L'attualità tra virgolette»

Picture live

Vivir con amor

vengodalmare

« Io sono un trasmettitore, irradio. Le mie opere sono le mie antenne » (Joseph Beuys)

mammacomepiove!

Donna. Mamma. Sognatrice. In proporzioni variabili.

La poesia di un arabesque

"La danza è il linguaggio nascosto dell'anima" Martha Graham

maplesexylove

_Fall in love with style_

Polvere o stelle

racconti, emozioni e pensieri danzanti

IO ME E ME STESSA

Per andare nel posto che non sai devi prendere la strada che non conosci

Il Canto delle Muse

Se ho provato momenti di entusiasmo, li devo all'arte; eppure, quanta vanità in essa! voler raffigurare l'uomo in un blocco di pietra o l'anima attraverso le parole, i sentimenti con dei suoni e la natura su una tela verniciata. Gustave Flaubert

... è sempre un qualche meraviglioso silenzio che porge alla vita il minuscolo o enorme boato di ciò che poi diventerà inamovibile ricordo ... (A. Baricco)

galadriel2068

emozioni, racconti e polvere... o stelle

Pinocchio non c'è più

Per liberi pensatori e pensatori liberi

L'angolino di Ale

... è sempre un qualche meraviglioso silenzio che porge alla vita il minuscolo o enorme boato di ciò che poi diventerà inamovibile ricordo ... (A. Baricco)

Photo

usa gli occhi..

Paturnie e altre pazzate

Parole fatte a pezzi. Parole come pezzi. Di me. Io: patchwork in progress.

DANZA/DANZARE

considerazioni, training, racconti

Di acqua marina di Lucia Griffo

Just another WordPress.com site

17 e 17

UN PO' PIU' DI TWITTER, UN PO' MENO DI UN BLOG

Studia Humanitatis - παιδεία

«Oὕτως ἀταλαίπωρος τοῖς πολλοῖς ἡ ζήτησις τῆς ἀληθείας, καὶ ἐπὶ τὰ ἑτοῖμα μᾶλλον τρέπονται.» «Così poco faticosa è per i più la ricerca della verità, e a tal punto i più si volgono di preferenza verso ciò che è più a portata di mano». (Tucidide, Storie, I 20, 3)

jalesh

Just another WordPress.com site

Cetta De Luca

io scrivo

filintrecciati

Just another WordPress.com site

OHMYBLOG | PAOLOSTELLA

just an other actor's blog

life to reset

drifting, exploring, surviving

hinomori

Fuoco e ghiaccio

Versi in rima sciolta...

Versi che dipingono la natura e non solo...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: